La Libertà è partecipazione

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dice il saggio...

(Aforismi, citazioni e  curiosità

 

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi

(William Shakespeare - Re Lear)

 

 

 9 visitatori online

 

 

Scrivici

Vittuone nel Cuore

Pulizie di primavera col Circolo Legambiente di Vittuone

E-mail Stampa PDF
 
PULIZIE DI PRIMAVERA COL CIRCOLO LEGAMBIENTE DI VITTUONE
 
 
 
Il circolo Legambiente di Vittuone, aderendo all’iniziativa “PULIZIA DI PRIMAVERA”, organizza per la giornata di SABATO 23 MARZO 2019 la pulizia dei fontanili alla quale sono invitati Soci, Associazioni e TUTTI i Cittadini di buona volontà.
La zona dei Fontanili di Vittuone e il Percorso Filosofico, inseriti nel contesto del parco Sud Milano, sono luoghi molto frequentati tutto l’anno da gruppi di cammino, persone singole e fedeli che visitano il Lazzaretto.
Chi frequenta il sito conosce bene le condizioni di degrado in cui si trova spesso dovuto all’abbandono indiscriminato di ogni tipo di rifiuto, dal semplice fazzoletto di carta, alle bottiglie di plastica sino a veri e propri scarichi di rifiuti da parte di incivili che anziché conferire i materiali alle isole ecologiche preposte preferiscono lasciarle a bordo strada.
Non vogliamo sostituirci alle Amministrazioni che sono preposte alla pulizia ma siamo convinti che sia necessario creare le condizioni affinché tutti  si sentano responsabili del mantenimento del decoro e della  “BELLEZZA” del posto in cui vivono.
Ovviamente il nostro impegno non si deve limitare alla pulizia una tantum di una zona del nostro territorio ma dobbiamo impegnarci a diventare cittadini virtuosi applicando le buone pratiche del rispetto dell’ambiente ma anche vigli controllori del territorio segnalando le situazioni di degrado e le azioni messe in atto da incivili che,  pensando di essere più furbi, non fanno altro che danneggiare se stessi.
Cio vale nei riguardi degli ambienti più isolati e meno controllati che, in qualche modo, favoriscono azioni scorrette ma anche in situazioni più frequentate quali parchi e le stesse strade del paese dove vengono tollerati comportamenti irrispettosi nei confronti della cosa comune.
Siamo convinti che l’esempio di un comportamento virtuoso possa creare la CULTURA del bello e della  bellezza del paesaggio in tutte le sue forme e per questo motivo rinnoviamo l’invito a partecipare numerosi all’iniziativa in modo da far crescere la voglia di considerare la cosa di tutti  come se fosse la cosa di ognuno. Cogliamo l'occasione per invitare anche tutte le persone giustamente sensibili all’argomento che sono molto attive sui social e che -per motivi diversi- hanno espresso critiche alla ns Associazione; li sollecitiamo ad unirsi a noi in maniera fattiva e proficua.

 
Il Circolo VitA Legambiente Vittuone

 
Il ritrovo sarà alle ore 9,00 davanti alla sede del nostro Circolo in via 4 Novembre 29  a Vittuone.
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Marzo 2019 09:37

un'occasione persa (l'ennesima)

E-mail Stampa PDF

Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Gennaio 2019 11:09

Ragazze operaie,al Tresartes con l'ANPI

E-mail Stampa PDF

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Gennaio 2019 15:04

ZancAssente: ossia Zancanaro, l'assenteista cronico

E-mail Stampa PDF

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Gennaio 2019 15:03

LA VIDEOSORVEGLIANZA E L’ILLUMINAZIONE A LED DI ZANCANARO

E-mail Stampa PDF

LA VIDEOSORVEGLIANZA E L’ILLUMINAZIONE A LED DI ZANCANARO

DUE PAROLE PER EVIDENZIARNE SENZA EQUIVOCI LE MENZOGNE RACCONTATE (NEANCHE AD ARTE) E LA SCELLERATEZZA DI UN PROGETTO PER L’ILLUMINAZIONE PUBBLICA SCONSIDERATO ED AUTOLESIONISTA

L’entusiasmo sbandierato dal Sindaco Zancanaro in questi giorni con i suoi post sui social, giusto per sviare l’attenzione dei Vittuonesi dal caos che accade nella sua Maggioranza, riguarda un finanziamento concesso dal Ministero dell’Interno per l’implementazione della videosorveglianza.

Il Sindaco non perde l’occasione per osannare il Ministro Salvini, del quale ormai sembra essere l’ombra da selfie, ed il Governo gialloverde con lo slogan “dalle parole ai fatti”.

La menzogna sta nel fatto che Salvini (in primis) e Zancanaro (di sponda) si appropriano di meriti altrui, poiché il finanziamento statale per “potenziare ed estendere la videosorveglianza e garantire così una maggiore sicurezza ai cittadini” non è da attribuire ad un atto dell’attuale Governo Conte, bensì al decreto legge nr 14 del 20 febbraio 2017.

È evidente, anche per i più sprovveduti, che a quella data l’attuale Governo non c’era.

Il decreto recava (e reca) la dicitura “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città” ed è stato adottato dal Ministro dell’interno di allora, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, in data 31 gennaio 2018, sotto il precedente Governo Gentiloni.

Passando ora al progetto per la sostituzione dei lampioni con quelli a led, progetto che rappresenta un gran bel regalo a chi lo realizzerà: e cioè ad Enel, cerchiamo di analizzare in modo semplice e schematico i punti critici del progetto:

  1. Circa il 75% dei lampioni (circa 900 su 1200) non è di totale proprietà del Comune di Vittuone, in quanto questi lampioni sono al 20% di proprietà Enel Sole.
  2. Per poter fare scelte indipendenti da volontà esterne sui lampioni, occorre essere PROPRIETARI al 100% dei pali. La Giunta Bagini aveva iniziato l’iter per riscattarli.
  3. Il valore di riscatto dei pali, data la loro età, si aggira tra un euro (1€) e 3 € cadauno.
  4. Con meno di 3.000€ è possibile acquisire la piena proprietà DI TUTTI I PALI DI ILLUMINAZIONE DI VITTUONE.
  5. È quindi possibile fare, SUCCESSIVAMENTE all’acquisizione dei pali, un bando per selezionare l’azienda a cui far fare il lavoro di conversione a led o, MEGLIO ANCORA, RIPRENDERE il progetto della Giunta Bagini, protocollato in Comune nel lontano dicembre 2012 ma estremamente attuale.

Cosa sceglie di fare, invece, la Giunta Zancanaro? Per fare le cose in fretta affiderebbe ad Enel (la comproprietaria dei pali) il progetto per la sola sostituzione dei corpi illuminanti per un costo che inizialmente era pari a poco meno di 500.000€ (mutuo a carico dei Cittadini), convertito in seguito, su indicazioni della Minoranza consiliare, in project finance. Sempre per la fretta, opererebbe in contraddizione con il proprio programma elettorale, che prevedeva il riscatto dei pali.

Dove sta la follia di questa scelta? Semplice: una volta riqualificati i lampioni, il VALORE DEGLI STESSI passerà da 1€ (2€ o 3€, non importa) ad almeno 100 volte tanto.

Enel potrebbe perfino fare il lavoro gratis, guadagnandoci comunque, ma se il Comune di Vittuone volesse riscattarli dovrebbe pagare il valore centuplicato. Non solo, ma la riqualificazione a led prevista si limita alla semplice sostituzione del corpo illuminante del lampione.

Non si prevede nessun ammodernamento della rete, cosa che, invece, era inserita nel progetto della Giunta Bagini che dotava la rete di illuminazione di un sistema intelligente, con passaggio di dati sia per la manutenzione dei lampioni stessi che per altri impieghi (monitoraggio aria, segnalazioni di guasti, allarmi per la sicurezza pubblica, telecamere di sorveglianza, controllo remoto del riscaldamento nelle scuole, ecc.). Per la realizzazione del progetto, l’Amministrazione Bagini aveva ipotizzato, inizialmente, un partenariato pubblico-privato anche se, successivamente all’introduzione di finanziamenti dall’Unione Europea, si sarebbe valutata una possibile alternativa.

 ViviAmo Vittuone – 27 novembre 2018

Pagina 2 di 95

You are here: Home